Non ti azzardare a mettere il limone nel tea inglese!

Mi ricordo anni fa che ero a Dublino, ad un certo punto uscita da un museo mi prese una voglia di tea caldo anche perché, era Estate ma sembrava Dicembre per le folate di vento gelido che spazzavano la cittá.

Entrai in una famosa catena di caffé, e chiesi il mio tea caldo poi ebbi per cosí dire l’ardire di chiedere se poteva mettermi una fettina di limone, che a me il tea nero piace limonoso.

Non l’avessi mai fatto amici miei!!!


Quello mi sganció una smorfia fra il ma che schifooooo, e il disgustato barra incredulo, e come se non bastasse mi disse perplesso: del limone? Nooooo non si mette il limone nel tea!

Questo lo dici tu! Gli volevo rispondere, invece presi la mia tazzona di tea che bruciava oltre i 200 gradi, e zitta-zitta mi sedetti in un angolino ad espiare la mia limonosa colpa.

Piú in la una volta stabilita in UK, imparai che gli inglesi non mettono limone nel tea nero, bianco, rosso o verde che sia. Questa é una nostra abitudine (o meglio ancora, come mi fu detto, russa!) che loro disgustano oltre ogni modo, come io disgusto quella cosa lattiginosa che creano quando mettono il latte nel black tea (sí non sapete le occhiatacce che ottengo quando dico il fatidico no milk, please).

Difficile che un inglese si prenda il tea liscio (se lo prende non é inglese ma un eretico), il vero tipico black tea inglese si serve con un bricchetto di latte accanto, si versa un filo di esso, si gira e si beve, ah dimenticavo il tutto senza zucchero!


Di norma ci dovrebbero essere delle regole di buon gusto che impediscono l’aggiunta del latte al tea, come nel caso del tea verde o di un tea aromatico con infusi fiori, erbe o frutta ma alcune volte qui diciamo che se ne sbattono, e come Cappellai Matti innaffiano il loro tea con piú latte possibile.

Altra cosa é che nelle tisane non si mette assolutamente lo zucchero, e questo di norma dovrebbe essere cosí, peró a molti piace metterlo invece … attenzione a non farlo davanti a un inglese, potrebbe mozzarvi le dita + cucchiaino, con cui state versando lo zucchero nella tazzina.

Il tea qui é una questione sociale, serve per discutere, riflettere, per calmarsi, per socializzare … insomma é gentilezza offrirne sempre una tazza, non manca MAI nelle dispense inglesi, nella lista della spesa, in ogni buco di negozio pure che vende vestiti … il tea é tradizione ed é molto difficile vivere qui ed evitare di bere o tenere del tea in casa.

Io amo il tea, e sono una grande appassionata collezionatrice/assaggiatrice di tea, quindi diciamo che un pochino me ne intendo. Quando venivo qui per le vacanze tornavo a casa con una tonnellata in valigia di vari tipologie di tea, che all’aereoporto mi prendevano per il signore della Lipton, sí quello che si sparava giú la lattina di tea ghiacciato, e faceva poi una smorfia fra il piacere e il dolore esclamando euforico hmmmmmm-hm fe-no-me-na-le!

Se andate pazzi per il tea l’Inghilterra é la vostra patria!

Ci sono piccoli negozietti che li fanno su misura, in pacchettini profumosi e pieni di petali, spezie, frutta e tanto altro. Poi ci sono le grandi catene chi di lusso e non, ma giá se vi fate un giro al supermercato di zona capirete che qui con il tea non scherzano mica anzi é una cosa seria, un affare di stato!

Che beviate tea blasonato o non, di provenienza biologica, sciacquoni di piedi, approvati dalla Regina e tutto lo stuolo della sua corte, o dal suo cagnolino, sappiate che il tea per colazione é il Breakfast tea una miscela di tea neri che poi sarebbe il classico brodone che ci facciamo tutti noi Italiani (sí dai il tea a noi non ci piace tantissimo!) quando siamo a dieta, o vogliamo tagliare corto con il caffé, o abbiamo bisogno di qualcosa di caldo, oppure ci abbiamo dato sotto con il cibo! 😀

Poi hanno il gree tea – tea verde – e quello bianco – white tea – e poi il famoso Earl Grey che la sottoscritta ama, praticamente una miscela di tea nero resa aromatica dall’aggiunta di bergamotto, infine ci sono i tea con pezzetti di frutta, oppure infusi (quindi non sono dei tea ma herbal infusions) con erbe aromatiche, spezie e fiori.

Se siete alla ricerca di tea particolari andate a Covent Garden a Neal Street troverete The Tea House, negozietto piccino ma ricco, ricchissimo di tea e tisane da farvi comprare pure la commessa dietro la cassa!

Ora mi avete fatto venire una voglia di tea quindi siccome qui andiamo per le cinque ecco che arriva la famosa ora del tea e biscottini, quindi koali da bravi sediamoci e sorseggiamo il nostro tea come regina comanda, e mi raccomando … niente limone!



Sir Koala ringrazia e saluta.





Koala Londinese

Koala Londinese

Sir Koala Londinese at Sir Koala Londinese
Blogger romana dal 2010 in trasferta in quel di Londra. Fra un pezzo di pane tirato ad uno scoiattolo e un altro ad un piccione, ti servo la mia visione animale di Londra e non solo! Seriamente convinta di due cose: ció che pensi diventi e che il Carpe Diem dovrebbero prescriverlo a tutti! 😉
Koala Londinese

5 Risposte a “Non ti azzardare a mettere il limone nel tea inglese!”

  1. Valentina Oswin Beltrami dice:

    più leggo i tuoi interventi e più mi convinco di aver ben poco a che fare con gli italiani xD Io bevo sempre e solo il tea con il latte….odio lo zucchero e ancora di più il limone :/

  2. Oh cazzo ma come si fa a mettere il latte nel te?? Cioè passi lo zucchero che io ovviamente non metto mai, ma il latte NO! Il limone sta bene nei te neri ma io bevo solo te verde, ovviamente importato dal giappone l'Earl Grey è disgustoso…

  3. Vuoi dire che non potrò mai prendere il tè alla pesca col limone?? -.- il latte annacquato è disgustoso! Io ho la fissa per gli infusi di erbe e frutta, ma non il tè, dici che mi guardano male comunque?

  4. O magari convertirli al limonare …

  5. Limone limone limone limone e ancora limone!
    Non esiste tea senza limone !!!

    Convertire gli inglesi al limone. Subito.

Lascia un commento