Storie di Viaggiatori & Espatriati: dopo anni difficili e tristi dove la vita sembrava avermi messo con le spalle al muro … sono arrivati invece i migliori anni della mia vita!

Oggi é Mercoledí e quindi ecco che arriva un nuovo appuntamentino in compagnia di donne e uomini che hanno deciso di chiudere una vita in valigia e partire per provare a vivere altrove.

Oggi incontriamo Valentina che sognava una vita in laboratorio, ma si é ritrovata dietro un bancone di un bar … e proprio quando pensava che la vita l’avesse relegata a fare qualcosa che non amava … ecco che scopre qualcosa di sé stessa che le riaccende la speranza! 🙂



Buona lettura!

In cerca di un po’ di fortuna a New York! 😉

Se fossi un libro come inizierebbe la tua storia?

C’era una volta una ragazza, che poi sarei io, la cui vita scorreva tranquilla tra pipette e banconi mentre cercava il progetto perfetto per iniziare un dottorato di ricerca … in Italia o chissà dove nel mondo eh sì nella sua vita precedente voleva fare la ricercatrice!

Pazza penserai … forse sì, un po’ … ma ad un certo punto la vita ci ha messo lo zampino e si è ritrovata dai banconi del laboratorio a quello del bar dei suoi genitori. Sono stati anni duri e difficili ma è proprio in quel periodo brutto e triste che ha dato sfogo alla sua passione per il mondo, ha iniziato finalmente a viaggiare!

Fino a quel momento pensava di non avere mai nè abbastanza tempo nè abbastanza soldi! Tutto questo non sarebbe stato possibile senza un baldo cavaliere da più di 10 anni al suo fianco! La sua vita negli ultimi mesi è cambiata ancora … dalla sua amata/odiata Roma si è trasferita in Calabria … in un certo senso si sente un po’ un’expat anche lei, anche se diciamocelo … lì (o qui da dove vi scrivo) non è Londra! 😉

Le Saline de Giraud Camargue

Raccontami un piccolo episodio che puó essere buffo, triste, comico, che fa riflettere, felice, insomma qualcosa che comunque ti é rimasto nel cuore e/o in testa che ti é accaduto da quando vivi in quella X nazione. 

Non vado molto lontano, questa risposta me la gioco in casa! Non posso non ricordare con piacere la prima volta che sono stata a Napoli. Io e il mio ragazzo arriviamo al Bed and Breakfast verso le 10 di mattina per posare le valigie, già “mangiati” ovviamente, e la signora ci ha offerto una seconda colazione a base di sfogliatelle, cornetti, dolcetti di ogni genere, ha messo su la moka e ci siamo presi il caffè … e la mattina dopo non finiva di tirar fuori dai mobili delizie di ogni genere, ci ha offerto almeno tre caffè ed al quarto si è seduta al tavolo con noi. Mitica Signora Carmela!

Io amo Napoli ed i napoletani, ci torno ogni volta che posso!

Consigliami un posto che ami follemente di quella X cittá o nazione che sia.

Anni fa ho vissuto 6 mesi a Barcellona e non c’è posto che io ami di più del Barrio Gotico! Sarà per l’atmosfera, per i negozi ma ogni volta che ero triste finivo sempre a passeggiare tra quelle viuzze e ritrovavo il buonumore.

La penisola di Dingle in Irlanda

Hai un foglio bianco, che parola ci scriveresti per il tuo futuro?

Serenità.

Viaggio nel tempo! Puoi tornare indietro e dare alla te che sta per partire per il tuo primo, dei tuoi tanti futuri viaggi, un piccolo consiglio o incentivazione, che hai scoperto un po’ piú in avanti, ma avresti tanto voluto saperlo prima.

Se potessi tornare indietro nel tempo sicuramente direi alla me appena laureata di partire per il Regno Unito, non necessariamente Londra. E’ un mio grande rimpianto!

Rimanendo in tema della domanda … ritornerei al momento del viaggio in Giappone … ero corrosa dall’ansia di perdermi, ed invece è andato tutto benissimo! Le indicazioni non sono sempre chiarissime, ma c’è una stazione di polizia ad ogni angolo ed i poliziotti hanno supercartine iperdettagliate! Non è impossibile non perdersi ma è molto facile (ri)trovare la strada giusta!

Il panorama fuori dalla finestra della mia casa

Dimmi una parola di quella data lingua della nazione dove vivi che ami.

Pamukkale, mi piace come suona e perchè ci vorrei tanto andare!

Hello! Vengo in vacanza da te, dimmi il miglior posto dove mangiare qualcosa di tipico, o bersi un caffé in santa pace, o un cocktail in un luogo figo, insomma un locale che ami e frequenti quando e come puoi.

A Roma ti porterei a fare colazione da D’Antoni, è una pasticceria che sta in zona Collatina, quindi estremamente fuori da qualsiasi circuito turistico, ma ha una selezione vastissima di cornetti e paste di ogni genere per la colazione, ricordano molto i croissant francesi. Il mio preferito è il danese crema e cioccolato!

Se fossimo a Barcellona ti porterei senz’altro a prendere un bocadillo lomo pimiento e queso alla Xampaneria! Adoro quel locale e i suoi panini accompagnati da una copa di vino rosè, è una tappa fissa ogni volta che torno!

A Catanzaro ti porterei senza dubbio al Rizzi’s – Made in Calabria non la solita hamburgheria ma tutta l’eccellenza e l’ospitalità calabrese sintetizzata in un panino, e, aspetto non trascurabile, prezzo onestissimo!

A Kamakura insieme a delle studentesse Giapponesi!

Informazioni:

Hai domande da fare alla nostra viaggiatrice Valentina?

Vuoi leggere i suoi articoli?

Valentina – Trip and Notes la trovi Tripandnotes.com

Se avete delle domande e/o curiositá, siete pregati di contattare direttamente la persona intervistata (tramite il suo blog) poiché non risponde (commenti o email) o collabora con questo blog 😉




Sir Koala ringrazia e saluta.

Koala Londinese

Koala Londinese

Sir Koala Londinese at Sir Koala Londinese
Blogger romana dal 2010 in trasferta in quel di Londra. Fra un pezzo di pane tirato ad uno scoiattolo e un altro ad un piccione, ti servo la mia visione animale di Londra e non solo! Seriamente convinta di due cose: ció che pensi diventi e che il Carpe Diem dovrebbero prescriverlo a tutti! 😉
Koala Londinese