Cosa vedere in Cornovaglia, 4 piccoli bellissimi villaggi di pescatori, 1 isola e 1 arcipelago!

Ciao Koali 🙂

Oggi vi porto in Cornwall, ossia in Cornovaglia. É una contea inglese e la più piccola non metropolitana, ubicata nella zona sud-occidentale della Gran Bretagna, all’estremità dell’omonima, lunga e vasta penisola, che si protende verso l’Atlantico.

La contea di Cornovaglia è una delle sei nazioni celtiche. La lingua locale, oggi riportata in uso, seppur marginalmente, da alcuni appassionati, è imparentata con il gallese ed ancor di più con il bretone. Il centro amministrativo e l’unica city è Truro, mentre la capitale storica è Bodmin. Comprese le isole Scilly, che si trovano a 45 chilometri dalla costa. (Fonte Wikipedia)




Per questo mini-tour consiglio almeno una settimanella, per godersi appieno i luoghi incantevoli e davvero pittoreschi che offrono queste terre, a tratti brulli, a tratti lussureggianti.

Ho selezionato i 4 villaggi a mio parere piú incantevoli, e in piú 1 isola e 1 arcipelago, venite scopriamoli assieme 🙂

Oh! Non dimenticate assolutamente di trovare una tea room e fare una gustosa Cornish Cream Tea e assaggiare pure le le Cornish Pasties di cui io vado pazza!!!


Clovelly

Forse il piú bello e visitato della Cornovaglia. Clovelly è un incantevole villaggio di pescatori, che si affaccia sul Canale di Bristol (Oceano Atlantico). L’elemento piú famoso e caratterizzante di questo villaggio sono i suoi asinelli, chiamati appunto asini di Clovelly, da secoli sono sempre stati una presenza costante nelle strade del villaggio, e ora sono amatissimi e super-fotografati dai turisti!

Ma se non vi bastasse, allora percorrete le sue stradine strette acciottolate che scendono a strapiombo verso il mare, specialmente di primissimo mattino o nel tardo pomeriggio. Si respira un’aria di pace di altri tempi.

Qui potrete vedere anche il Crazy Kate’s Cottage, che é il più vecchio cottage di Clovelly (il nome deriva da Kate Lyall, che era una vedova di un pescatore morta nel 1736).

St Ives

Passiamo a Saint Ives anche chiamato Porth Ia (nella lingua Cornica). Questo villaggio si affaccia sull’omonima baia, al largo della quale si trova l’isola di Godrevy Island.

In passato é stato un punto importante per la pesca, oggi é una piccolo gioiello inglese sempre piu preso d’assalto dai turisti, specialmente dai surfisti!

A mio avviso se paragonata a Clovelly, é un villaggio capace di offrire molto a livello sia di sport che di intrattenimento. Porthmeor Beach é un ottimo spot per surfare o sedersi a guardarli.

Se non vi piace il surf, potete sempre gironzolare per le caratteristiche e deliziose stradine del villaggio, piene di botteghe e negozietti davvero interessanti.

Port Isaac

 

Port Isaac (in lingua cornica Porthysek) é un piccolo villaggio di pescatori, e sicuramente lo avrete visto in TV perché é stato più volte palcoscenico di serie televisive e film come ad esempio: Doc Martin, L’erba di Grace e Poldark. Passeggiate lentamente lungo le sue stradine acciottolate, soffermandovi ad ammirare le casette dei pescatori datate intorno al diciottesimo secolo, il tempo qui sembra davvero essersi fermato.

É un villaggio che a mio parere si puó visitare benissimo in mezza giornata, magari al mattino presto ripartendo dopo pranzo. Se potete non perdetevi di visitare le spiagge di Polzeath e Daymer Bay.

Charlestown

Charlestown (in lingua cornica: Porthmeur) è un villaggio di pescatori portuale affacciato sul Canale della Manica. La località, un tempo nota come West Polmear, prende il nome da Charles Rashleigh, un commerciante locale, che tra il 1791 e il 1801 rifondò la cittadina, costruendovi un importante porto per il trasporto del rame e del caolino estratto dalle miniere di St Austell. Il porto di Charlestown fu una delle location del film di Tim Burton del 2010 Alice in Wonderland. (Fonte Wikipedia)

É un villaggio che si puó visitare in poche ore, e piacerá a tutti quegli appassionati della Marina Britannica Inglese. Se siete degli appassionati di Lord Nelson, dei racconti di Hornblower (C. S. Forester) o Master & Commander (Patrick O’Brien), questo villaggio vi delizierá non poco, perché il suo porto é rimasto nei secoli pressocché inalterato, e vi sono spesso ancorate delle vere e proprie tall ships.

St. Michael’s Mount

Ok non é proprio un villaggio di pescatori, ma sempre di mare parliamo e poi non potevo non includerla nella lista! 🙂

St Michael’s Mount (in lingua cornica: Karrek Loos y’n Koos) è un’isola tidale situata nella cosiddetta Mount’s Bay, di fronte alla cittadina di Marazion. L’isola è famosa per la sua vaga somiglianza sia nel nome che nelle fattezze, con il Mont Saint-Michel in Normandia, Francia. La somiglianza non è per nulla casuale, perché entrambe le due isole sono dedicate all’arcangelo Michele.

La si puó raggiungere con un traghetto che parte da Marazion.

Visitate il castello e i suoi giardini a getto sul mare, oppure passeggiate lungo il piccolo villaggio e porticciolo. Questa isoletta é una location prediletta per i matrimoni!

Isles of Scilly

Anche qui tocca prendere il traghetto (da Penzance), ma ci sono anche dei voli charter dall’Exeter Airport.

Le Isole Scilly (in cornico Ynysek Syllan), dette anche Isole Sorlinghe, sono delle isole che formano un arcipelago. Su 58 isole ed isolotti che compongono l’arcipelago, soltanto sei di esse risultano essere abitate, e sono: St. Mary’s, Tresco, St. Martin’s, Brhyer, St. Agnes e Gugh.

St Mary’s é la piú grossa, St. Agnes é l’ultimo lembo di terra inglese, prima di approdare nel “nuovo mondo” ossia in America. Bryher é vicinissima all’isola di Tresco, tanto che con la bassa marea e condizioni meteo giuste, si puó camminare da un’isola all’altra. Tresco per gli amanti della natura. St Martin’s é la piú pittoresca. Infine Gugh é quasi unita a St Agnes, per via di una striscia di sabbia detta The Bar, che appare durante le basse maree.

Ogni isola ha un suo fascino e particolaritá, se avete poco tempo allora puntate sulla piú grande, ossia St Mary’s, e visitate Hugh Town.




Sir Koala ringrazia e saluta.

Koala Londinese

Koala Londinese

Sir Koala Londinese at Sir Koala Londinese
Blogger romana dal 2010 in trasferta in quel di Londra. Fra un pezzo di pane tirato ad uno scoiattolo e un altro ad un piccione, ti servo la mia visione animale di Londra e non solo! Seriamente convinta di due cose: ció che pensi diventi e che il Carpe Diem dovrebbero prescriverlo a tutti! 😉
Koala Londinese

Lascia un commento