Storie di Viaggiatori & Espatriati: credevo di essere timida e insicura … ma la voglia di mescolarsi con il mondo ha vinto su tutto! La storia di Fiorella

Oggi é Mercoledí e quindi ecco che arriva un nuovo appuntamentino in compagnia di donne e uomini che hanno deciso di chiudere una vita in valigia e partire per provare a vivere altrove.

Puó una ragazza timida e insicura, prendere e partire alla ventura da sola per perdersi & ritrovarsi in giro per il mondo?!

Leggete la storia di Fiorella per conoscere come si puó uscire fuori dalla propria comfort zone! 🙂

Buona lettura!

La nostra amica Fiorella, Lago Borovoe, Kazakistan

Se fossi un libro come inizierebbe la tua storia?

Caro lettore, questa è la storia di una ragazza che ha sempre creduto di essere timida e insicura, ma che un giorno ha fatto la valigia ed è partita con la voglia di mescolarsi con il mondo.

E non è più stata la stessa.

I suoi occhi hanno visto l’Europa (Germania), l’Asia (Cina) e l’America Latina (Costa Rica).

Le sue papille hanno provato il cibo più vario.

Le sue mani hanno stretto quelle di amici in ogni parte del mondo.

I suoi pensieri, dovunque lei sia, la portano ad andare sempre un po’ più in là.

Rio Celeste, Costa Rica

Raccontami un piccolo episodio che puó essere buffo, triste, comico, che fa riflettere, felice, insomma qualcosa che comunque ti é rimasto nel cuore e/o in testa che ti é accaduto da quando vivi in quella X nazione. 

Ero in viaggio con un’amica ad Hainan, un’isola tropicale nel sud della Cina. Non avevamo contatti e andavamo semplicemente a zonzo, ogni giorno un posto diverso. Un pomeriggio ci siamo fermate in un tratto di spiaggia senza troppe pretese, se non quella di fare un bagno. Ci attacca bottone un gruppo di cinesi nel dialetto locale. Le solite chiacchiere per fare amicizia, ma che stavolta ci fanno sentire a casa. Presto finiscono con l’offrirci un gelato e si dimostrano ospitali a tal punto da far fare a entrambe un giro gratuito sui loro jet-ski a noleggio. Noi ripartiamo dall’isola di lì a breve. Abbiamo continuato a scriverci per molti mesi a venire.

Consigliami un posto che ami follemente di quella X cittá o nazione che sia.

Amo salire fino alla chiesetta di Santo Stefano a Carisolo, un paesino sperduto delle Dolomiti, e godermi il panorama della valle sottostante da lassù.

Fiorella in un caffè iraniano a Göttingen, in Germania, sorseggiando tè allo zafferano

Hai un foglio bianco, che parola ci scriveresti per il tuo futuro?

Senza dubbio scriverei speranza. Che non è un affidarsi alla sorte, sperare mollemente che tutto vada bene. Ma non perdere la fiducia che un giorno il cammino fatto finora avrà un senso, che i puntini si uniranno, come diceva Steve Jobs. Che tutto si possa salvare o, nel peggior caso, ricostruire.

Viaggio nel tempo! Puoi tornare indietro e dare alla te che sta per partire per il tuo primo, dei tuoi tanti futuri viaggi, un piccolo consiglio o incentivazione, che hai scoperto un po’ piú in avanti, ma avresti tanto voluto saperlo prima.

Vorrei poter dire alla me stessa che si apprestava a partire per la Cina di fare più ricerche sulla cultura locale e arrivare nel regno del dragone con un livello di lingua più alto, per comunicare meglio fin dal principio e trovarsi meno in balia degli eventi.

Palazzo d’Estate a Pechino

Dimmi una parola di quella data lingua della nazione dove vivi che ami.

Pura Vida è un’espressione tipica costaricana e la si può usare nei modi più disparati. Per salutare con un augurio (pura vida mae!), come aggettivo per indicare una gran bella persona (es muy pura vida), fino al descrivere uno stile di vita o una situazione che fa gioire il corpo e l’anima.

Hello! Vengo in vacanza da te, dimmi il miglior posto dove mangiare qualcosa di tipico, o bersi un caffé in santa pace, o un cocktail in un luogo figo, insomma un locale che ami e frequenti quando e come puoi.

Un locale dove tornerei sempre se fosse a casa mia o dietro l’angolo è El Tigre di Madrid. Un tapas bar, anzi ce n’è più di uno che porta lo stesso nome in città. Ci sono stata due volte, durante due fantastici viaggi in Spagna. Aperitivo che si trasforma facilmente in cena grazie alla generosità dei camerieri, che con 5€ di vino tinto/cerveza/ sangria (N.B. mezzo litro) ti affibbiano un piatto di tapas tanto abbondante quanto delizioso. E che a volte ti concedono il bis di cibo senza che tu ti serva ancora da bere.

La quotidianità di Fiorella: questa foto rappresenta una stradina di campagna vicino casa mia, una delle poche ancora sterrate. Ci vado ogni giorno quando posso e mi trovo a casa, per camminare e godermi un po’ di pace.

Informazioni:

Hai domande da fare alla nostra viaggiatrice Fiorella?

Vuoi leggere i suoi articoli?

Fiorella Manini la trovi su Cronachediviaggi.com

Se avete delle domande e/o curiositá, siete pregati di contattare direttamente la persona intervistata (tramite il suo blog) poiché non risponde (commenti o email) o collabora con questo blog 😉

 

Sir Koala ringrazia e saluta.

Koala Londinese

Koala Londinese

Sir Koala Londinese at Sir Koala Londinese
Blogger romana dal 2010 in trasferta in quel di Londra. Fra un pezzo di pane tirato ad uno scoiattolo e un altro ad un piccione, ti servo la mia visione animale di Londra e non solo! Seriamente convinta di due cose: ció che pensi diventi e che il Carpe Diem dovrebbero prescriverlo a tutti! 😉
Koala Londinese

Lascia un commento