Intervista di ItaliansInFuga plus tanti consigli su espatrio a Londra e UK



Ciao Koali,

sono stata intervistata dal mitico Aldo di Italiansinfuga, sito web che seguo ormai da diversi anni e a cui mi ero iscritta quando ero alla forsennata ricerca di informazioni su Londra e vita all’estero, ora per lo piú lo seguo per info sull’Australia paese che amo 🙂

Credetemi é un sito web utilissimo, e Aldo é moooolto simpatico e soprattutto gli va riconosciuto tutto il valido aiuto che da, a chi vuole farsi una vita all’estero.

Anyway qui trovate la mia intervista!

 

Consigli per i primi tempi a Londra

 

Qui invece puoi vedere la video intervista.

 

 

Sono sicura che la troverete utile.

Un grazie a Italiansinfuga e soprattutto a voi Koali che mi seguite 😉

 

Sir Koala ringrazia e saluta.

Koala Londinese

Koala Londinese

Sir Koala Londinese at Sir Koala Londinese
Blogger romana dal 2010 in trasferta in quel di Londra. Fra un pezzo di pane tirato ad uno scoiattolo e un altro ad un piccione, ti servo la mia visione animale di Londra e non solo! Seriamente convinta di due cose: ció che pensi diventi e che il Carpe Diem dovrebbero prescriverlo a tutti! 😉
Koala Londinese

Una risposta a “Intervista di ItaliansInFuga plus tanti consigli su espatrio a Londra e UK”

  1. Anch’io ho un’info molto utile. Ieri sono stata a fare il colloquio per avere il National Insurance Number e la gentile signora che ha seguito la mia pratica mi ha detto qualcosa che immagino possa far tirare un sospiro di sollievo a tutti i richiedenti. Rispetto a qualche anno fa, la procedura è più semplice e richiede pochi documenti: carta d’identità o patente o passaporto; contratto d’affitto (o lettera da chi vi ospita e non vi fa pagare); contratto di lavoro o prove che lo state cercando (e-mails di risposta alle vostre candidature, per esempio). Più vi dimostrate attenti e precisi, meno inghippi troverete. 😉 Per la questione dell’interrogatorio, in realtà adesso chiedono solo poche cose: dove vivi, se e dove lavori, se sei venuto/a da solo/a nel Regno Unito o con famiglia, se sei sposato/a e hai figli. In più, quando ho telefonato al centralino per prendere appuntamento, mi è stato chiesto se soffrivo qualche malattia. #sharing is caring

I commenti sono chiusi